Marchio e Logo del Piano Strategico della Provincia di Treviso


Progettare la Marca

Progettare la Marca


Lo sviluppo della Marca va pensato. Va pensato da parte di tutti, con il ruolo della Provincia e dei comuni, con il concorso e la capacità di tutte le forze sociali. Va pensato attribuendo alla classe dirigente il ruolo di sintesi delle proposte.
Chi osserva la storia e l’evoluzione delle grandi città internazionali – Berlino, Parigi, Londra - sa che alcune delle questioni fondamentali della vivibilità di un’area, come ad esempio la viabilità, le tensioni sociali, le trasformazioni del tessuto produttivo, possono essere affrontate soltanto in una prospettiva di medio-lungo termine. Gestire le contraddizioni, tuttavia, non significa calare dall’alto un grande progetto. Deve essere il territorio a produrre idee, iniziative, proposte. Deve essere la Marca, intesa nel suo complesso, a trovare sintesi tra le sue identità, tra il suo essere policentrica e multiforme. Sostenere questo non vuol dire rinunciare a una progettualità ambiziosa. E’il contrario. Vuol dire accettare la sfida che le forze politiche,
intellettuali e imprenditoriali di un territorio hanno di fronte.
Per far ciò si deve saper unire tradizione e innovazione, consci che per conservare occorre diffondere le conoscenze e che per innovare occorrono attivi patti condivisi. Serve, quindi, una sintesi tra empirismo e voglia di futuro, tra modello di crescita locale e nuove dinamiche globali. E tale sintesi può essere garantita solo dai processi di governance.

Il futuro della Marca nasce dal ruolo generativo della sua collettività

La governance non è un concetto astratto, ma un sistema concreto e fortemente integrato. Un modo per facilitare l’intererazione tra le tante comunità di intenti e di interessi che compongono la realtà locale. Un sistema necessario per rafforzare le forme di cooperazione fra istituzioni, società civile e classe dirigente. L’epoca della crescente apertura delle economie e della trasformazione dei processi produttivi, apre nuove opportunità e potenzialità.
Integrare in modo coerente e efficace le funzioni economiche, sociali, ambientali e culturali diviene il fattore decisivo per qualificare la capacità competitiva di un territorio.
Le politiche di governo allargato sono, pertanto, un’opportunità per tutti, poichè agevolano la capacità di concentrarsi sui fattori della trasformazione, accrescendo le opportunità e l’interazione fra tutti i protagonisti. Si tratta di politiche che puntano a migliorare le potenzialità competitive (economiche, sociali, culturali e ambientali) dell’area, qualificando l’intero humus locale.
L’ obiettivo della pianificazione strategica è quello di rafforzare le forme di sviluppo, garantendo non solo il riposizionamento competitivo dell’economia locale, ma anche una nuova visione generale della crescita, intervenendo con progetti integrati sulla qualità delle infrastrutture, sulla vivibilità ambientale e sull’appeal culturale. Si tratta di rafforzare le politiche innovative e sociali, puntando sull’attivazione delle risorse umane locali, sullo sviluppo di politiche attive per la terza età, sulla realizzazione di nuove forme di partecipazione dei giovani, sulla definizione di politiche inclusive, in grado di coordinare l’inserimento nel territorio.
Oggi, molte città europee sono in movimento per affrontare i problemi del governo del proprio territorio. Le esperienze di pianificazione strategica ed i progetti di rigenerazione urbana si vanno diffondendo. La pianificazione strategica è un processo di cooperazione volontaria tra diversi soggetti, pubblici e privati, per definire un percorso di sviluppo condiviso, individuare obiettivi strategici e azioni da realizzare in un orizzonte temporale di medio-lungo periodo e in una dimensione territoriale di area vasta. L'obiettivo essenziale è il miglioramento della qualità della vita dei cittadini, nella consapevolezza che una crescita solida dell'economia e dell'occupazione non si può perseguire senza migliorare la qualità sociale e culturale delle città, senza interventi efficaci di rigenerazione territoriale e di inclusione sociale. I territori sono sistemi fatti di pezzi sempre più interdipendenti tra loro. Per questo motivo i nuovi esperimenti di pianificazione cercano di affrontare in chiave di maggiore integrazione i diversi interventi economici, sociali, culturali, ambientali, formativi e infrastrutturali, cercando di mobilitare le forze sociali e di coinvolgere i cittadini per costruire insieme il futuro.

 


Piano strategico della Provincia di Treviso

Per informazioni: tel 0422656004 - fax 0422.656354 - mail: pianostrategico@provincia.treviso.it