La struttura del piano


Seguendo gli esempi della pianificazione strategica internazionale, il piano di Treviso potrebbe essere composto di alcuni macro-obiettivi che ricalcano l’intesa iniziale tra Provincia e Camera di Commercio. Patto che individuava tre aree di priorità: infrastrutture e mobilità, riposizionamento competitivo, sistema della qualità sociale e di vita. Il piano, quindi, propone una vision complessiva, di come dovrà essere la nuova Marca e le tre componenti che consentiranno e qualificheranno il nuovo modello. Ognuno di questi macroobiettivi sarà articolato in due Assi strategici, ovvero le prospettive di fondo cui tendere grazie alla pianificazione e alla progettazione di medio e lungo periodo. Il complesso di questi assi dovrebbe disegnare come dovrà essere la Marca nel 2010. Ogni asse strategico sarà, a sua volta, diviso in Obiettivi strategici, che potranno essere di breve, medio e lungo periodo. Tali obiettivi definiranno il quadro di fondo dell’asse strategico e qualificheranno il fine e la portata delle intenzioni trasformative e riformatrici definite dall’asse. Ogni asse strategico, inoltre, dovrà individuare le Azioni complessive di intervento per concretizzare e rendere effettivi gli obiettivi strategici individuati. Azioni che dovranno esplodere, poi, in una costellazione reale di Progetti definiti e realizzabili, in modo da rendere il piano strategico non un libro dei sogni, ma un preciso piano di intervento. Un piano cui concorrono, in quanto prima lo hanno condiviso e poi lo realizzano, tutti gli attori del territorio.

 

 

La struttura del piano, per essere ancora più chiari e per cogliere la dinamicità e l’unitarietà del sistema, può essere raffigurata anche in un altro modo.

 


Piano strategico della Provincia di Treviso

Per informazioni: tel 0422656004 - fax 0422.656354 - mail: pianostrategico@provincia.treviso.it