I principi del piano


I principi su cui si fonda il nuovo posizionamento della Marca

Il nuovo modello della Marca si delinea sulla base di alcuni principi guida, che fanno da sfondo alle componenti del modello e agli assi strategici.


Multimodalità

Il territorio trevigiano è una realtà satura, che deve essere ridisegnato come una realtà policentrica di qualità. Attraverso il disegno di una mobilità sostenibile, multimodale ed efficiente, con progetti di valorizzazione dei centri storici e con una nuova rete di collegamenti, incentrata sulla valorizzazione degli interscambi tra ferro e gomma, sulla crescita delle viabilità di scorrimento e dei grandi collegamenti europei. Si tratta di dimensionare in modo prudente il carico imposto all’ecosistema, potenziando il sistema infrastrutturale, per diminuire l’impatto negativo della mobilità sulla qualità della vita. Si tratta anche di operare continui riequilibri tra gli impatti e di introdurre risarcimenti non occasionali per impatti distorsivi e per le nuove ineguaglianze che ne derivano.


Sostenibilità

Nella sua accezione più ampia il piano strategico sposa un’idea di sostenibilità sociale, ambientale ed economica, quali elementi fondanti la pianificazione strategica. Il sistema deve essere disseminato di trigger, di canalizzazioni per guidare lo sviluppo su un sentiero di sostenibilità allargata, in grado di riprodursi nel tempo e grazie alle risorse che fa risparmiare.

Solo in questo modo anche per le aziende sarà possibile competere sul terreno della sostenibilità. In questo quadro rientrano le politiche per lo sviluppo dell’eco-innovazione aziendale, della delineazione delle caratteristiche delle nuove forme insediative, dello sviluppo della bioedilizia, del controllo delle emissioni inquinanti, siano esse acustiche, atmosferiche e elettromagnetiche.

Sostenibilità, va intesa anche come prudenza e self-control riguardo al patrimonio ambientale, della risorsa delle acque e del patrimonio artistico.


Innovazione

È necessario fare dell’innovazione il perno delle politiche evolutive del sistema, per costruire le condizioni ambientali affinché l’imprenditore che, avendo l’intenzione di innovare e non ha la massa critica sufficiente per produrre le trasformazioni nella propria impresa (o non ha la preparazione e le conoscenze per farlo e per accedere direttamente alle offerte della ricerca), possa entrare comunque in contatto con essa. Si tratta di realizzare, a livello di territorio, dei facilitatori e accompagnatori delle imprese verso la ricerca, accentuando non solo l’incontro e il trasferimento di tecnologie alle aziende, ma anche il sorgere di domande e richieste che dal mondo della produzione vanno a quello della scienza. L’handicap strutturale verso la ricerca, determinato dalla tipologie d’impresa del trevigiano, deve essere attenuato attraverso due tipologie d’intervento: la cooperazione tra imprese, che appare la via principale in un contesto di frammentazione delle realtà aziendali; gli spin off di nuove imprese che possano rappresentare degli spill over di conoscenze per l’intero sistema produttivo locale. I centri di ricerca, inoltre, non solo debbono produrre innovazione tecnologica, ma tali competenze e conoscenze debbono essere portate a conoscenza delle imprese. Si tratta di rafforzare le forme di relazione e comunicazione. Per qualificare e facilitare il passaggio di tecnologia alle imprese occorre, probabilmente, accentuare un modello negoziale per l’innovazione su scala locale, coinvolgendo tutti i soggetti portatori di necessità. Si tratta di definire e individuare i cluster innovativi su scala territoriale, che necessitano di una forte capacità organizzativa e di coordinamento, per facilitare l’incontro tra domanda e offerta, ma anche per suscitare la domanda. In questo ambito i diversi cluster di intervento possono essere: i processi di distretto, per immettere innovazione e per supportare i processi di diffusione e trasformazione delle innovazione già in itinere; i processi di innovazione intorno alla imprese leader, che possono diventare il perno di sostegno di una catena evolutiva che coinvolge l’intero complesso della subfornitura; le trasformazioni nella pubblica amministrazione, specie dei servizi, da quelli sanitari e sociali, a quelli del turismo, del marketing e dei beni culturali e ambientali; i processi di innovazione delle nicchie produttive, quali battistrada di soluzioni tecnologicamente avanzate; i percorsi di accumulazione di innovazione, di cui possono beneficiare tutti i soggetti e gli attori del territorio.


Capability

Sviluppo di un tessuto delle conoscenze territoriali, delle politiche sociali integrate, di potenziamento del capitale umano espresso dal territorio, a partire dai processi di formazione, riproduzione e valorizzazione delle capability umane. Il territorio deve diventare il valore aggiunto nella competizione, l’ambito in cui le capability vengono rilevate, promosse, concentrate e distribuite. Ciò ha implicazioni anche nelle culture organizzative, in quelle amministrative e civiche, nell’ambientalismo, nei legami tra società e territori, tra cultura e turismo. Tutto ciò è finalizzato a una ricaduta complessiva di rafforzamento, costruzione e innovazione della classe dirigente imprenditoriale e civica del territorio. Lo sviluppo del sistema formativo, come sistema di informazione, formazione e innovazione si fonda sull’idea della necessità di integrare l’offerta di formazione professionale e di riconoscere tutte le agenzie formative presenti sul territorio, basando il processo sulla necessità di fare del territorio un agente attivo nel rapporto tra globale e locale, tra il sapere del territorio e quello del mondo. L’educazione delle persone è far entrare gli individui in una cultura specifica, costruire un percorso di socializzazione che sa rapportarsi al territorio, alla sua tradizione culturale, ma al tempo stesso alla persona e agli strumenti per guardare lontano. Si tratta di integrare l’offerta educativa contenuta dalla scuola, con quella dei progetti sociali, della formazione permanente, del terzo settore.

Un’offerta che deve essere relazionata con la domanda educativa che emerge dal territorio, aiutando gli individui a identificare, prima e sostenere poi, il loro percorso di azione e vita. Una offerta che deve trarre origine dallo stesso quadro delle trasformazioni sociali e economiche in corse e dalle traiettorie dello sviluppo individuate.

Connessione

L’investimento nel turismo, nella cultura e nello sport, quale connettore del nuovo futuro della Marca. L’intento è quello di fare del turismo il motore propulsore del ridisegno delle politiche culturali e di valorizzazione ambientale del territorio. Un ridisegno che si fonda sul concetto di rete degli eventi e di creare delle linee di forza che rendano riconoscibile il territorio e che permettano un continuo adeguamento delle politiche e individuino nelle traiettorie ecomuseali, la valorizzazione del territorio, del paesaggio, della storia e della comunità, attraverso la continua ed inevitabile evoluzione dei luoghi e della società.


Coesione

Coesione sociale e territoriale, da sviluppare come processo in costante evoluzione per compensare gli squilibri e le marginalità prodotte dalla crescita e dalle trasformazioni economiche e produttive. Coesione significa anche costante valutazione dei rischi e dei costi delle esternalità dello sviluppo, delle delocalizzazioni e delle trasformazioni. Coesione come politiche rivolte alla famiglia, ai giovani, agli anziani, agli immigrati, per rispondere ai cambiamenti in atto, ma anche per affrontare temi quali l’abbandono scolastico, la sicurezza, le nuove povertà. Coesione come politica di valorizzazione del terzo settore e delle sue imprese.


Qualità

Fare della Marca un complesso sistema delle qualità: della vita, del lavoro, degli insediamenti, dei servizi alle persone e alle imprese. Ma anche qualità dello sviluppo, dei tempi di vita e della crescita. Una sistema della qualità cui devono tendere tutti i processi di relazione e trasformazione del territorio. Una cultura della qualità capace di divenire una vera e propria manifestazione del comportamento individuale e collettivo, sviluppando una nuova dimensione e concezione degli insediamenti, della formazione aziendale, delle dinamiche della vivibilità e del rapporto lavoro-tempo a disposizione.


Partecipazione

Il piano non è un processo eterodiretto, ma autodiretto, autogovernato. Lo sviluppo del piano strategico si basa sulla capacità costante di fondare le principali azioni attraverso la realizzazione di patti condivisi, di tavoli di negoziato che producono impegni e condivisione di responsabilità, cultura amministrative del risultato e attenzione agli impatti, nonchè costruzione di standard condivisi, di culture della cooperazione, di valorizzazione delle buone pratiche, d’interazione tra pubblico e privato, di promozione dell’economia sociale.

In questo ambito il piano è un progetto di sostenibilità politica, in cui avviene un processo di crescita delle forme di autogoverno locale, favorendo un nuovo modo di fare società locale. Un modo che si fonda sui processi partecipativi e di concertazione, per fondare lo sviluppo sulla valorizzazione dei molteplici patrimoni locali.


Dinamicità

Il progetto del piano strategico non è precostituito, né rapido, ma complesso e dinamico. È caratterizzato per una visione temporale di medio periodo, il 2010, e si pone l’obiettivo non solo di intervenire sugli scenari di trasformazione, ma si caratterizza anche per essere un work in progress permanente, costantemente attento ad arricchire la propria progettualità, in base allo sviluppo degli eventi (locali e globali) e all’evoluzione dei suoi attori.


Interazione

Il piano non è un progetto settoriale, solo economico, ma un quandro di intervento integrato, in cui i diversi fattori dello sviluppo (economici, sociali, culturali, ambientali, politici) interagiscono e si coordinano per dar vita a un complesso movimento della società locale.


Trasformatività

Il fine del piano è quello di trasformare la Marca e dovrà essere possibile, al termine della fase definita, chiedersi e verificare se, in che modo e quanto la società locale è cresciuta e si è modificata.


Piano strategico della Provincia di Treviso

Per informazioni: tel 0422656004 - fax 0422.656354 - mail: pianostrategico@provincia.treviso.it